Home Notizie Comunicati Stampa Anno 2013 Medici di famiglia: “Italiani poco attenti alle calorie – Al via il network di 500 camici bianchi per ‘educare’ i pazienti”

Medici di famiglia: “Italiani poco attenti alle calorie – Al via il network di 500 camici bianchi per ‘educare’ i pazienti”

5 minuti di lettura
0
21

COMUNICATO STAMPA

Al congresso nazionale SIMG presentati i risultati dello studio LIZ sulle abitudini alimentari

I MEDICI DI FAMIGLIA: “ITALIANI POCO ATTENTI ALLE CALORIE

AL VIA IL NETWORK DI 500 CAMICI BIANCHI PER ‘EDUCARE’ I PAZIENTI”

 Coinvolti 2000 cittadini. Distratti nella scelta dei cibi, ma virtuosi nel consumo di zuccheri, inferiore alla soglia limite dei 75 grammi al giorno. Dalle bibite gassate solo l’1% dell’apporto energetico necessario. Il presidente Claudio Cricelli: “Raccoglieremo informazioni sugli stili di vita per modificare quelli sbagliati”

 

Firenze, 21 novembre 2013 – Il 40% degli uomini e il 32% delle donne in Italia non fanno mai attenzione alle calorie assunte con il cibo e le bevande durante la giornata. Solo quando l’ago della bilancia si sposta verso destra cambiano idea. Però il livello di zuccheri introdotto con diversi tipi di alimenti (latte, succhi, bevande zuccherate, frutta, zucchero da cucina e dolci) è nettamente inferiore alle cifre raggiunte negli Stati Uniti e negli altri Paesi europei e si mantiene al di sotto della soglia indicata dagli esperti come limite (75 grammi). Gli uomini ne consumano ogni giorno 68 grammi e le donne 66 grammi (il saccarosio aggiunto rappresenta solo il 10% degli zuccheri totali). E solo poco più dell’1% dell’apporto calorico giornaliero deriva dalle bibite gassate. È quanto emerge dai dati dell’indagine LIZ (Liquidi e Zuccheri in Italia), raccolti su circa 2000 persone dai medici di famiglia della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale), in collaborazione con Nutrition Foundation of Italy (NFI). Lo studio è presentato oggi al 30° Congresso della società scientifica in corso a Firenze e ha previsto la compilazione di due tipi di questionari, sul livello di informazione e sulle abitudini alimentari dei pazienti. “La ricerca sul consumo degli zuccheri – spiega il dott. Claudio Cricelli, presidente SIMG –  apre la via a un più ampio progetto sui cosiddetti ‘determinanti di salute’, cioè sui fattori ambientali e sociali, legati agli stili di vita, all’attività fisica, all’alimentazione e all’istruzione. Queste informazioni contribuiscono in maniera significativa alla definizione dello stato di benessere della persona. E, modificando alcuni ‘determinanti’, possiamo incidere sulla salute dei pazienti, prima di ricorre ai farmaci. Abbiamo realizzato infatti un network composto da 500 medici di famiglia che, in maniera strutturata, raccoglierà questi dati, inserendoli in un database dedicato. È la prima esperienza di questo tipo in Italia. I medici non solo inseriranno le informazioni nella banca dati, ma le comunicheranno ai pazienti che non sono sempre consapevoli dei propri errori”. “Dallo studio LIZ – continua il dott. Ovidio Brignoli, vicepresidente SIMG - emerge una significativa discrepanza fra ciò che gli italiani dichiarano di fare e come si comportano in realtà. Ad esempio, sanno qual è la quantità consigliata di bevande, due litri, da consumare ogni giorno, ma un terzo si ferma a un solo litro. Inoltre il 39,6% degli uomini e il 48,6% delle donne sostiene di mangiare molta frutta, in realtà in media ne consumano solo 2 porzioni rispetto alle 3 consigliate”. Da confutare invece gli allarmismi legati all’abuso delle bevande zuccherate. “Ne consumiamo, in media, 70 mL (uomini) e 60 mL (donne) al giorno. Si tratta di 28 e 24 Kcal/die, pari all’1,4% e all’1,2%, rispettivamente, dell’apporto calorico giornaliero necessario a una persona media con uno stile di vita moderatamente attivo (2.000 Kcal)”.

 

Ufficio stampa SIMG

Intermedia                      

intermedia@intermedianews.it

030.226105 – 3351892975 - 335265394

Carica più articoli correlati
Carica ancora in Anno 2013

Leggi Anche

La SIMG: “Vaccinazione antinfluenzale gratuita anche per gli over 50” – Ogni settimana 150.000 persone colpite da patologie respiratorie

COMUNICATO STAMPA I dati della rete Influnet si riferiscono al periodo compreso tra il 14 …