Home Notizie Comunicati Stampa Anno 2006 Dicembre 2007. Comunicato Stampa SIMG in merito alla recente notizia relativa agli errori medici

Dicembre 2007. Comunicato Stampa SIMG in merito alla recente notizia relativa agli errori medici

4 minuti di lettura
0
18

Abbiamo letto con inquietudine i dati comunicati ieri sulla mortalità evitabile nel nostro Paese e presentati nel corso di un Convegno in corso presso la Fondazione Irccs Istituto Nazionale Tumori (Int) di Milano e promosso dall'Associazione italiana di oncologia medica (Aiom) in collaborazione con il gruppo Dompé Biotec.

Al di là di ogni altra considerazione noi consideriamo queste affermazioni pericolose per i seguenti motivi:

  1. Non viene comunicato il metodo attraverso il quale si giunge a tali stime. I metodi applicabili sono quelli scientifico, sociale, giuridico, economico, giornalistico. L’unico metodo che noi siamo in grado di applicare è quello scientifico.

  2. Questi dati non sono dunque per ora controllabili e sono sottratti al giudizio della comunità scientifica del nostro Paese.

  3. Le stime , le segnalazioni e le proiezioni non sono utilizzabili per la creazione di un dato scientifico così rilevante.

  4. Che di dato scientifico si debba trattare è evidente per il fatto che si tratta di processi clinici , che si svolgono all’interno di processi di cura e di strutture sanitarie , coinvolgendo l’appropriatezza o la non appropriatezza dei medici e dei sanitari.

  5. Non ci risulta alcuna ricerca sistematica e scientifica che possa aver prodotto questi risultati .

I medici di famiglia assistono tutta la popolazione italiana e costituiscono un eccellente osservatorio per analizzare le cause dei decessi e le eventuali inappropriatezze ad essi collegate , nonché le doglianze degli interessati e delle famiglie. Tutti i decessi rientrano per definizione nell’ambito della nostra osservazione A noi questi dati non risultano. L’inusuale inappropriatezza del metodo applicato a questa notizia ingenera confusione , sospetto e sfiducia nei cittadini . Nessuno sa se tali sentimenti siano fondati o meno visto che la palese inadeguatezza del metodo impedisce di sapere se questi dati siano veri o falsi. Chiediamo dunque di conoscere con urgenza le basi dei dati consultate, le fonti di provenienza dei dati ed il metodo applicato per giungere a tali risultati. Non abbiamo alcun dubbio sulla esigenza di evitare sofferenze e decessi evitabili e siamo impegnati nel prevenire ed abbassare il tasso di errori delle strutture sanitarie e dei medici . Questo tuttavia è un processo che si svolge all’interno della comunità scientifica e dell’organizzazione sanitaria che hanno l’obbligo di applicare rigorosamente il metodo della ricerca scientifica e sociale.

Claudio Cricelli
Presidente Nazionale SIMG

Carica più articoli correlati
Carica ancora in Anno 2006

Leggi Anche

17 Maggio 2006. Ecco la figura del Care Manager per l’equità del sistema e dei cittadini

  Cricelli: “È il nostro viatico beneaugurante per il nuovo Ministro della salute” Fi…