Home Attività Congressi e Convegni 37 Congresso SIMG SIMG – Il “Lab Mobile” nelle periferie a Roma: medici di famiglia a bordo nelle piazze e nelle parrocchie per orientare i cittadini. Fondamentali gli screening HIV e HCV nella settimana che precede la Giornata Mondiale contro l’AIDS

SIMG – Il “Lab Mobile” nelle periferie a Roma: medici di famiglia a bordo nelle piazze e nelle parrocchie per orientare i cittadini. Fondamentali gli screening HIV e HCV nella settimana che precede la Giornata Mondiale contro l’AIDS

11 minuti di lettura
4
11,773

Venerdì 27 novembre 2020

Approda a Roma il Laboratorio Mobile per i test HCV e HIV in tempo di Covid-19. In piazza e nelle parrocchie sarà possibile accedere a bordo per gli screening e per sensibilizzare i cittadini sulla diagnosi da Epatite C e HIV

In Italia sono stimati circa 280 mila portatori di HCV non ancora diagnosticati, di cui la metà sarebbero tossicodipendenti. Un quarto sono soggetti sottopostisi a trattamenti estetici a rischio inclusi piercing e tatuaggi, ed un numero elevato di omosessuali maschi


Arriva la Giornata mondiale contro l'Aids e si moltiplicano le iniziative nel pieno della pandemia. Il Covid-19 ci ha permesso di poter unire diversi semplici test tra salivari e pungidito, per poter esaminare e far emergere il "sommerso" di altri due virus ben noti agli specialisti negli ultimi 40 anni: HCV, il virus dell’Epatite C, e HIV, il virus dell’AIDS. È una sfida straordinaria e un'opportunità imperdibile da cogliere al volo per poter eventualmente poi essere presi in carico e indirizzati ad una terapia mirata che è risolutiva per l'Epatite C e di controllo del virus per l'HIV. Partito da Firenze, dalla sede nazionale della SIMG, Società di Medicina Generale e delle Cure Primarie, il Lab Mobile per gli screening di HIV ed Epatite C della campagna Insieme contro l’AIDS e l’Epatite, arriverà nel weekend a Roma dopo la Giornata dedicata da Papa Francesco ai poveri e in contemporanea con  la Giornata contro l'Aids. I test saranno possibili sabato 28 novembre, dalle 9 alle 13, presso la Parrocchia San Giovanni Maria Vianney, in via Lentini 6, e domenica 29, dalle 14 alle 18, presso il Centro Caritas Parrocchiale "S.G. Antida" in via dell’archeologia 159.

“INSIEME CONTRO L’AIDS E L’EPATITE” - L’iniziativa, realizzata con il contributo del Pontificio Consiglio per l'Evangelizzazione, con il contributo non condizionato di Gilead Sciences, in collaborazione con la Caritas in Toscana e i volontari del Cuamm in Veneto, e con la richiesta di patrocinio del Ministero della Salute e dell’Istituto Superiore di Sanità, è promossa dalle società scientifiche  SIMG – Società Italiana di Medicina Generale e delle Cure Primarie con il patrocinio anche della SIMIT – Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali e dell’AISF – Ass. Italiana per lo Studio del Fegato e di Fondazione The Bridge.

GLI OBIETTIVI DELL’INIZIATIVA - Lo scopo del Lab è quello di sensibilizzare la popolazione sui corretti atteggiamenti di prevenzione per le malattie infettive, di informare su quelli che sono i rischi concreti e di effettuare screening per verificare la presenza di questi virus. -sottolinea il Prof. Massimo Andreoni, Direttore Scientifico SIMIT e responsabile dell’Unità Operativa Complessa Malattie Infettive Tor Vergata. A bordo, personale specializzato per effettuare gli esami clinici per scoprire il "sommerso" per Epatite C e HIV.

Vogliamo informare sui rischi che si corrono con determinate infezioni – spiega il Prof. Cricelli, Presidente SIMG –  coinvolgendo soprattutto le fasce più deboli della popolazione, e proporre le nostre strategie nei confronti dei virus. Gli screening e le diagnosi per HIV e HCV sono particolarmente urgenti e rilevanti, in quanto questi virus si manifestano quando l’infezione è molto avanzata L’HCV porta alla cirrosi o all’epatocarcinoma (tumore del fegato); l’HIV ha la sua naturale conseguenza nell’AIDS. Per evitare questi sviluppi, serve una diagnosi precoce che permetta di intervenire tempestivamente. Nel caso dell’Epatite C, i moderni farmaci permettono di eradicare il virus in tempi rapidi, in maniera definitiva e senza effetti collaterali Laddove si individuassero soggetti affetti da queste infezioni, si adotterà il linkage-to-care, la presa in carico del paziente che verrà sottoposto ai trattamenti specifici”.

LA SITUAZIONE IN ITALIA - L’obiettivo principale di tale iniziativa itinerante contro l’HCV, è quello di far emergere il sommerso dei portatori del virus. In realtà, l’impresa non è semplice in quanto la maggior parte di questi pazienti non sviluppa sintomi e, dunque, è difficile da identificare. In Italia ci sarebbero circa 280 mila portatori di HCV non ancora diagnosticati, di cui la metà sarebbero tossicodipendenti, un quarto soggetti sottoposti a trattamenti estetici a rischio inclusi piercing e tatuaggi, ed un numero elevato di omosessuali maschi. La presa in carico ed il trattamento di questi pazienti per molti versi «difficili» richiede una politica di test & treat semplice a partire dalle procedure di screening fino alla fornitura dei farmaci anche al di fuori dei centri prescrittori, come carceri, centri territoriali e strutture di Medicina Generale.

“Da queste considerazioni - dichiara Ignazio Grattagliano, referente SIMG per l’area epatologica - prendono spunto le riflessioni sul corretto screening di coorti della popolazione (baby-boomers, giovani adulti, …), ed estensione dell’attenzione ai detenuti, agli omosessuali maschi, e agli immigrati da aree ad alta endemia, ricordando che oggi la terapia specifica è permessa a tutti i portatori del virus indipendentemente da età e stadio di malattia. Per la realizzazione di queste iniziative  servirebbero soprattutto la diffusione di indagini semplici e la attivazione delle reti epatologiche regionali. Vista sotto questa lente ed esaminati gli argomenti qui accennati, non appare difficile comprendere come la malattia da HCV possa essere intesa a tutti gli effetti come problematica sociale in quanto di fatto interessa in special modo vasti settori della popolazione con importanti problematiche socio-comportamentali”.

“Per raggiungere quell’immensa periferia urbana, sociale, sanitaria rappresentata dalle fasce più marginali e disagiate, che forniscono il principale serbatoio di numerose malattie infettive tra cui l’HCV, non è più pensabile programmare una medicina basata sulle attività di studio medico - dichiara Alessandro Rossi, responsabile SIMG per le malattie infettive. “Gli studi di Medicina Generale rappresentano il luogo di cura e presa in carico delle cronicità, ma anche luoghi di prevenzione (si pensi alle vaccinazioni). La medicina di prossimità (intesa in senso etimologico: il posto più vicino) deve invece trasferire, fisicamente e professionalmente, le cure a tutti i soggetti che, per barriere sociali, etniche, linguistiche e infine spesso per la mancanza di regolarizzazione sanitaria, non accedono agli studi medici. Questo è il motivo di fondo dell’iniziativa “Motorhome: alla ricerca di HCV e HIV”. Tale iniziativa andrà ad affiancare le attività di screening nei confronti dell’HCV che sono previste e finanziate con apposito fondo dai Decreti attuativi del Milleproroghe recentemente approvati dal Parlamento”.

Carica più articoli correlati
Carica ancora in 37 Congresso SIMG

Leggi Anche

Avviso ai Soci SIMG in merito alla consultazione del sito e comunicazione di variazioni ai recapiti personali.

La Giunta Esecutiva Nazionale S.I.M.G., nella sua convocazione del 10 Settembre 2021 press…