Home Notizie Comunicati Stampa Anno 2020 SIMG: con FIMMG e Sanofi solo una lettera d’intenti

SIMG: con FIMMG e Sanofi solo una lettera d’intenti

5 minuti di lettura
0
23

La Società Italiana di Medicina Generale e delle Cure Primarie precisa la propria posizione sulla formazione dei MMG

“L’obiettivo è di sviluppare progetti di formazione ECM sulle principali patologie croniche e sui relativi fattori di rischio. Il rispetto delle leggi costituisce per noi un criterio assoluto” sottolinea Claudio Cricelli Presidente SIMG


LA NOTIZIA - Nelle ultime settimane è stata diffusa la notizia che la SIMG - Società Italiana di Medicina Generale e delle Cure Primarie e la FIMMG - Federazione Italiana Medici di Medicina Generale avrebbero siglato con l’azienda Sanofi un protocollo d’intesa di prospettiva triennale per una congiunta progettualità volta a formare i medici del futuro su tematiche cliniche in costante evoluzione, come l’ambito cardio-metabolico, la prevenzione e la gestione della cronicità. Tra le questioni annunciate al centro dell’attenzione tante tematiche di attualità: dal cambiamento generazionale atteso nei prossimi anni nella professione dei medici di medicina generale alla centralità della relazione con il paziente, con una particolare attenzione alle tematiche assistenziali emergenti, nell’ottica di migliorare la qualità della vita dei pazienti, in particolar modo cronici e con fragilità.

LA PUNTUALIZZAZIONE DELLA SIMG – In queste ore, la SIMG interviene per puntualizzare che sono comparse illazioni e affermazioni inesatte sui contenuti e le finalità di un accordo sottoscritto da SIMG, FIMMG e l’azienda Sanofi.

Quello che è stato definito come un accordo, in realtà è solo una lettera di intenti senza valore vincolante e contrattuale, che ha come obiettivo di sviluppare progetti di formazione ECM sulle principali patologie croniche e sui relativi  fattori di rischio – sottolinea il Prof. Claudio Cricelli, Presidente SIMG. – Questo è il metodo rigoroso con cui i titolari della Formazione Continua in Medicina devono operare, elaborando e sottoponendo a terzi le loro proposte ed i loro progetti di formazione. In questo contesto normativo, SIMG, nella sua veste e nel suo ruolo di Società Scientifica accreditata ex legge 24/2018 e di Provider ECM accreditato, ha sviluppato, anche in collaborazione con Fimmg, ipotesi e progetti di formazione basati sulle esigenze della formazione continua dei Medici di Medicina Generale”.

All’interno della normativa di riferimento, obbligatoria sia per i Provider ECM, sia per gli sponsor ECM (quali Sanofi, le Aziende del farmaco e dei dispositivi), qualunque iniziativa o evento deve rispondere obbligatoriamente ai criteri di assenza del conflitto di interessi.

Il rispetto delle leggi costituisce per noi un criterio assoluto – aggiunge il Prof. Cricelli. – Il principio etico primario si manifesta attraverso le leggi dello Stato e deve essere per tutti il riferimento obbligato di qualunque comportamento etico associativo e individuale. Noi crediamo e realizziamo solo una formazione di qualità per una Professione che sia altrettanto di qualità, rivolgendoci soprattutto alle nuove generazioni di medici, vera a colonna portante della medicina territoriale e del SSN nei prossimi decenni”.

Carica più articoli correlati
Carica ancora in Anno 2020

Leggi Anche

SIMG: grande soddisfazione per la decisione AIFA sulla fine dei Piani Terapeutici per i farmaci anticoagulanti ad azione diretta

La Società dei Medici di Medicina Generale sottolinea i vantaggi per i pazienti, per gli s…