Home Notizie Comunicati Stampa Anno 2009 30 Novembre 2009. Rete e Pay for Performance, la rifondazione secondo SIMG, di A.Santoro in GdM

30 Novembre 2009. Rete e Pay for Performance, la rifondazione secondo SIMG, di A.Santoro in GdM

6 minuti di lettura
0
19

Riferimento originale: http://www.gdmonline.it/portal_aree/portal_aree_attualita/portal_aree_attualita_politica_e_sanita/article-19942.view?dummy=1259607254181

Praticherà la medicina d'iniziativa, farà governo clinico, sarà collegato in rete con il servizio sanitario regionale e, nel caso in cui eserciti in singolo, invierà i pazienti all'Uccp della sua Aggregazione funzionale (le Aft della nuova Convenzione) per le prestazioni di media o bassa complessità. E sarà retribuito in base a un sistema di “pay for performance” direttamente ispirato al modello britannico.

È il ritratto del medico di famiglia di domani secondo la SIMG, che sabato a Firenze ha chiuso il suo 26° Congresso nazionale. Un dipinto che coniuga le novità dell'Acn con i progetti sui quali è da tempo al lavoro società scientifica. «Siamo tra i pochi ad aver sempre realizzato tutto ciò che abbiamo promesso» ha rivendicato con orgoglio il presidente della SIMG, Claudio Cricelli, nella conferenza stampa che ha inaugurato l'appuntamento congressuale.

Tra gli esempi virtuosi citati da Cricelli c'è Sissi (Simulazione per la spesa sanitaria italiana), lo studio sulle dinamiche della spesa pubblica avviato in collaborazione con l'università di Tor Vergata: dai dati clinici e prescrittivi forniti dai medici della Simg gli esperti dell'ateneo stanno svelando dinamiche e ragioni della spesa per le principali patologie croniche. «Grazie a questo sforzo» è il commento di Cricelli «la Mg è la prima professione del Ssn realmente valutabile».

Due concetti cari alla SIMGcome clinical governance e accountability delle Cure primarie trova spazio anche MilleGPG (General practice governance), il gestionale di nuova generazione sviluppato da Millennium in collaborazione con un team di lavoro della società scientifica. Il software, infatti, mette a disposizione del Mmg una serie di “cruscotti” e di indicatori destinati a supportarlo nella verifica della sua attività rispetto alle linee guida e agli standard più diffusi.

Ma quello che più conta è l'obiettivo finale al quale mirano nel loro insieme i progetti di SIMG: una Mg votata all'evidence based practice e strutturata secondo livelli crescenti di complessità per la presa in carico di pazienti più o meno complessi.
«Oggi» ha detto non a caso Giorgio Monti, responsabile area Management della SIMG«la Mg è organizzata in modo tale da poter erogare un livello di cure minime, ossia le prestazioni minime che il paziente deve ricevere. Dobbiamo passare a un'organizzazione che consenta l'erogazione di cure standard, ossia le prestazioni ottimali che ogni paziente dovrebbe ricevere secondo l'evidence based practice». Di qui la necessità che gli studi di Mg si mettano in rete, ma soprattutto l'auspicio di un'evoluzione in senso complesso dell'organizzazione sul territorio: «La programmazione aziendale e gli obiettivi di salute» sottolinea Monti «devono diventare il parametro sul quale dimensionare la rete dell'assistenza in ogni Aggregazione funzionale territoriale: ognuna, sulla base dei bisogni e della realtà sociale della popolazione assistita, definisce la complessità della sua rete e il numero delle Uccp di cui ha bisogno per erogare servizi complessi a beneficio dei medici dell'intera Aft. Il collegamento in rete e la verifica dei risultati assicura il governo clinico dell'Aggregazione e l'analisi dei bisogni».

Quanto alle risorse per la riorganizzazione, Monti auspica una revisione dell'abituale sistema di remunerazione: «Si deve andare verso un sistema all'inglese che retribuisca la qualità della performance. Si potrebbe pensare, per esempio, a un modello misto basato sul “pay for performance” per i medic i in rete e su una remunerazione “tipo drg” per le Uccp.

I soldi? Se si facesse in modo che i risparmi assicurati dalla riorganizzazione dei territorio rimanessero nelle Cure primarie, le risorse ci sarebbero».

Carica più articoli correlati
Carica ancora in Anno 2009

Leggi Anche

La SIMG svela il suo progetto di rifondazione (dal GdM 24/2009 di A. Santoro)

Praticherà la medicina d'iniziativa, farà governo clinico, sarà collegato in rete con il S…