EMA: workshop per il coinvolgimento dei medici di medicina generale nelle decisioni regolatorie sui farmaci

19/04/2016

Un Workshop EMA con i medici di medicina generale e i medici di famiglia dà il via a una collaborazione sempre più stretta

L’Agenzia Europea per i Medicinali (EMA) ha organizzato un workshop con i rappresentanti dei medici di medicina generale e i medici di famiglia per esplorare nuove forme di interazione all’interno degli Stati membri dell’UE e di ulteriore coinvolgimento nelle attività dell’EMA.                 (lista partecipanti)

“I medici di medicina generale e i medici di famiglia svolgono un ruolo fondamentale nella cura del paziente; hanno spesso il primo contatto con i pazienti e li accompagnano attraverso tutto il percorso della malattia”, ha spiegato il direttore esecutivo dell’EMA Guido Rasi nel corso del workshop tenutosi il 19 aprile scorso. “Questo è il motivo per cui vogliamo coinvolgerli sempre di più nelle nostre attività: le loro conoscenze ed esperienze sul modo in cui un farmaco viene utilizzato e risponde alle esigenze del paziente nella vita reale possono fornire informazioni molto importanti per il nostro processo decisionale”.

Hanno partecipato al workshop 20 rappresentanti delle tre principali organizzazioni: European Forum for Primary Care (EFPC),  European Union of General Practitioners (GPs) / Family physicians (UEMO) e World Organization of National Colleges, Academies and Academic Associations of General Practitioners / Family Physicians (WONCA) Europe.

Tutti i partecipanti hanno concordato sul fatto che una maggiore interazione potrà:

  • aiutare l’Agenzia a comprendere meglio il modo in cui i farmaci vengono utilizzati nella vita reale e il potenziale impatto delle specifiche azioni regolatorie sulla cura del paziente;
  • sensibilizzare i medici di medicina generale sulle modalità con cui possono fornire informazioni, nell’ambito delle discussioni regolatorie, sui benefici e i rischi dei farmaci in modo che queste decisioni tengano conto della realtà della pratica clinica.

Il workshop ha portato alla creazione di un gruppo di esperti di medicina generale, inizialmente composto dai 20 rappresentanti che hanno partecipato alla riunione che, a loro volta, fungono da facilitatori facendo poi da raccordo con le loro comunità.

Come già avviene con i rappresentanti degli specialisti, il nuovo gruppo sarà coinvolto in una vasta gamma di attività dell’EMA, fra cui: contributi alla consulenza scientifica che EMA fornisce a chi sviluppa i farmaci, input su fattibilità e impatto sui pazienti delle misure di minimizzazione del rischio; revisione delle informazioni contenute negli stampati dei medicinali e loro diffusione attraverso le reti nazionali di medici e pazienti.

L’EMA e le tre organizzazioni svilupperanno anche una dichiarazione congiunta che delinei le aree di collaborazione nonché le raccomandazioni a lungo termine. Tutte le attività sono in linea con il quadro generale dell’Agenzia per l’interazione con le organizzazioni degli operatori sanitari.